Evento European Cooperation Day

15 settembre: Nuit des Anciens Remèdes. Maison des Anciens Remèdes [Jovençan - AO]

Dalle ore 14.00 e per tutta la serata, la Maison des anciens remèdes apre le sue porte e propone delle visite guidate.

A partire dalle ore 20.00 percorso nel villaggio alla scoperta degli antichi rimedi

Evento gratuito con entrata libera

L’evento, un incontro di parole e musica pensato per il territorio valdostano, sarà ospitato presso la Maison des Anciens Remèdes di Jovençan, che apre le proprie stanze colme di sapere e di saggezza popolari, lasciando che i segreti delle piante officinali e dei rimedi di un tempo si disseminino su tutto il paese: le vie e gli angoli più suggestivi del centro storico si trasformeranno in scrigni colmi di antica cultura. Saranno i nostri avi ad accoglierci nel loro mondo, povero ma dignitoso, ricco di umanità e solidarietà, nel quale la natura è ancora temuta e rispettata perché dalla sua generosità dipende la sopravvivenza della comunità. Nella Nuit des Anciens Remèdes si sveleranno i segreti delle piante officinali per vivere in armonia con le stagioni, i cicli vitali e i prodotti della terra, imparando come trarre da piante e fiori i rimedi per molti malanni. Sarà l’occasione per ascoltare racconti misteriosi su guaritori che conoscevano “lo secret” per “togliere il fuoco o il veleno della vipera”, che sapevano “fermare l’acqua o i ladri”, e poi tornare a casa arricchiti di piccole e grandi ricette naturali che svelano le radici di tradizioni millenarie.

Scarica il Leaflet

Scarica il Manifesto

 

Presentazione del Progetto

Il progetto E.CH.I., in linea con le normative internazionali e nazionali, consente di fondare una strategia condivisa che dia supporto alle comunità per rispondere alla pressione omologante che la globalizzazione va esercitando sulle specificità, sulle pluralità culturali e linguistiche e sul permanere di alcune attività tradizionali, in particolare nelle aree di confine.

È anche una sfida al multiculturalismo: il rispetto del patrimonio intangibile può infatti creare migliore armonia sociale, aiutando a chiarire e a elaborare il significato delle differenze culturali.
I beni immateriali sono “beni viventi” che si manifestano attraverso le tradizioni orali, le lingue, le arti performative, le pratiche sociali, gli eventi festivi e rituali, i saperi tecnici che, trasmessi attraverso le generazioni, contribuiscono alla costruzione della identità dei popoli.

Il rinnovato interesse nei confronti degli spazi transfrontalieri – anche grazie agli sforzi fatti con la passata programmazione europea – apre la strada a interventi che alimentano il substrato tradizionale, rinnovandolo. La riscoperta della specificità di questi luoghi, unita all’utilizzo delle tecnologie, fa intravedere scenari futuri in cui gli spazi transfrontalieri torneranno al centro dell’interesse europeo: presidi di cultura e rinnovate risorse collettive.

 

Attività già realizzate

  1. Creazione di un inventario online delle eredità immateriali transfrontaliere.
  2. Argonauti nelle Alpi: si tratta di un viaggio narrativo fatto da quattro scrittori, Elena Stancanelli, Michela Murgia, Enrico Camanni e Marco Albino Ferrari, che, uno per tappa, incontrano i testimoni e le comunità coinvolte dal progetto. Il viaggio è funzionale alla pubblicazione di un racconto collettivo comprendente una mappa illustrata del tour degli scrittori, delle comunità e dei testimoni incontrati. Il viaggio viene inoltre documentato dal vivo (trasformandosi anche in evento pubblico, ospitato presso 4 Festival nazionali) attraverso un blog che i narratori aggiornano tappa per tappa, con immagini, riflessioni, musica. Argonauti nelle Alpi è stato pensato per stimolare consapevolezza e curiosità intorno al tema del patrimonio immateriale, proponendo indirettamente una riflessione su quale sia il suo valore e sulle sue prospettive di valorizzazione e di salvaguardia. Il blog dell’evento è www.argonautinellealpi.org.

 

Informazioni e contatti

Elisabetta Vento – Regione Lombardia – DG Istruzione, Formazione e Cultura
Laura Saudin – Regione Valle d’Aosta – Assessorato Cultura
Telefono: 02 6765 4844 – 0165 35895
e-mail: elisabetta_vento@regione.lombardia.itl.saudin@regione.vda.it
Sito web di progetto: www.echi-interreg.eu

 

Materiali informativi

Guarda il video

Scarica pdf presentazione racconti di Riccardo Piaggio

Commenti